La redazione            Prodotti Stampa             Prodotti Web               LOGIN                                                                                    Per la tua pubblicità                      

'Casapound nell’aula consiliare del Comune di Ladispoli? Tragico finale di una brutta storia che viene da lontano'

12/01/2018

Riceviamo e pubblichiamo:

Quanti come noi, fanno dell’antifascismo un’idea di vita, hanno ben chiaro il concetto che non si può prescindere da “libertà, uguaglianza, diritti, parità, tra tutte le donne e gli uomini che abitano questo mondo, senza differenze di razza, sesso, o classe sociale”

Dunque, è seriamente preoccupante apprendere che un’aula consiliare - luogo pubblico “garante” dei concetti appena citati – possa essere a disposizione di quanti hanno costruito la propria esistenza Politica su posizioni ed azioni “esattamente contrarie”

Crediamo però, sia necessario, provare a comprendere come, la nostra Cittadina possa essere giunta ad una deriva tale, che poi è una condizione non troppo diversa o più grave di quanto accade nel paese.

Ladispoli, negli ultimi cinque anni, è stata amministrata da una certa “sinistra di facciata”, che di fatto – chi ha memoria ricorda – ha concesso la stessa aula consiliare per un convegno nel quale si è parlato di omosessualità come una malattia gravissima da condannare nel nome di Dio, e ancor più grave, è stata votata una delibera di Consiglio, nella quale il Comune di Ladispoli riconosce esclusivamente le coppie/famiglie composte da un uomo e una donna.

Probabilmente in questo ed in molto altro, dovremmo provare a cercare le risposte sull’arrivo di Casapound a Ladispoli, sulla vittoria delle destre in questa Città, sulle sconfitte della sinistra, dunque, leggere oggi molti comunicati di Partiti, ed ex Amministratori indignati, ci pare quanto meno roccambolesco.

Governo Civico Ladispoli

 

 

Condividi con i tuoi amici

Come ti senti dopo l'articolo?

Come ti sento dopo l'articolo?

 

 

 

 


  

  

 

 

 

 

^ Top