La redazione            Prodotti Stampa             Prodotti Web               LOGIN                                                                                    Per la tua pubblicità                      

L'ex parroco di Ladispoli Don Emanuele Giannone nominato rettore del Collegio Leoniano di Anagni

11/01/2018

Lo scorso 9 gennaio don Emanuele Giannone della diocesi di Porto-Santa Rufina è stato nominato rettore del Collegio Leoniano di Anagni.
Il sacerdote è direttore della Caritas diocesana ed è parroco della Natività di Maria Santissima a Roma, nel quartiere di Selva Candida, dopo esserlo stato a Ladispoli nella parrocchia di San Giovanni Battista.
Nato a Stornara, in Puglia, nel 1968, don Emanuele ha compiuto gli studi in Economia e commercio presso l’università degli studi di Bari e si è laureato nel 1992. Approdato in diocesi nel 1997, è stato alunno del seminario di Anagni ed è stato ordinato sacerdote nel 2000. Nel 2005 ha conseguito la licenza in teologia presso l'Istituto Teologico Leoniano e nel 2014 il dottorato in teologia morale presso la Pontificia Università Urbaniana.

Monsignor Gino Reali, vescovo di Porto-Santa Rufina, commentando la nomina voluta dalla Congregazione per il Clero, sottolinea che «la scelta di don Emanuele come rettore del Seminario regionale di Anagni comporta un grande sacrificio per la diocesi ma, nello stesso tempo, è segno di apprezzamento per un sacerdote del nostro clero diocesano e, quindi, per tutta la nostra Chiesa».

La nomina di don Emanuele onora infatti tutta la diocesi che, come già avvenne con monsignor Lino Fumagalli, attualmente vescovo di Viterbo, rettore di Anagni dal 1985 al 1992, di nuovo offre generosamente uno dei suoi migliori sacerdoti al servizio della formazione del clero nel prestigioso Istituto voluto dal Papa Leone XIII per le diocesi suburbicarie e del Lazio sud.

A don Emanuele quindi i migliori auguri della Diocesi e il sostegno della preghiera per il nuovo delicato incarico.

Condividi con i tuoi amici

Come ti senti dopo l'articolo?

Come ti sento dopo l'articolo?

 

 

 

 

  

  

 

 

 

 

Potrebbe interessarti

^ Top