La redazione            Prodotti Stampa             Prodotti Web               LOGIN                                                                          Per la tua pubblicità            Privacy policy    
05/04/2017

“Danni, Infortuni, incendi, calamità: i rischi sempre dietro l’angolo. Prevenire è meglio che curare”.

Partendo dall’assunto che in ogni impresa non esistono settori "sicuri", è certo che in ogni momento ci si potrebbe imbattere in un evento imprevisto capace di arrecare danni e perdite di produzione, di clienti, di immagine, di beni per le nostre aziende. In materia di risarcimento del danno eventualmente arrecato, l’obbligo deriva dal concetto di “responsabilità civile”, cardine dell'ordinamento giuridico. La polizza di  Responsabilità Civile copre i danni che l'azienda, i suoi prodotti e i suoi dipendenti possono involontariamente arrecare a terzi nello svolgimento dell'attività. Ma il tema assicurazione resta legato al concetto di rischio e di prevenzione delle evenienze. Il legislatore stesso prevede varie forme di responsabilità civile dell'impresa che si tramutano di fatto in obblighi di legge a tutela di terzi coinvolti: verso i dipendenti ad esempio, nei confronti dei quali una corretta gestione del rischio diventa sempre più di fondamentale importanza, perché consente di trasferire i rischi dall'impresa privata alla compagnia di assicurazione. L'insieme di persone e cose che entrano in contatto con l’ambiente-azienda è potenzialmente enorme: conseguentemente, fare una valutazione dei rischi attraverso un consulente assicurativo è di fondamentale importanza. Schematicamente, è possibile ricondurre quest'universo di possibilità alla messa in atto di determinate garanzie. Un danno fisico al capannone o semplicemente al negozio ed agli impianti ad esempio, può richiedere un esborso significativo per l'azienda. Si calcola che il 70%  delle aziende che subiscono un danno ingente, a causa della mancata assicurazione, si trovano nella condizione di dover chiudere l’impresa oltre a pagare le spese del danno arrecato a soggetti privati coinvolti nell’evento negativo. E’ per questo che rimane fondamentale la copertura: non solo per risarcire danni a terzi, ma per avere la possibilità di ripristinare la propria azienda nel minor tempo. Per quanto concerne i rischi legati alle attività commerciali è facile individuarne alcuni particolarmente comuni, per i quali si trovano risposte nel prodotto innovativo denominato Allianz1 (one) Business. Oltre alla copertura incendio ai fabbricati, grazie ad Allianz1 (one) business ora è possibile avere garanzie più specifiche per la propria categoria commerciale e scegliere garanzie aggiuntive uniche nel settore assicurativo come l’indennità per interruzione dell’attività, la “tutela legale”, e tra le più richieste la “protezione soci”, utile a tutelarli da situazioni di premorienza o invalidità permanente che si base sull’articolo del codice civile 2284 che prevede obbligo di liquidare la quota agli eredi. Si calcola che Il 30 % delle aziende, causa premorienza o invalidità permanente del socio, chiudono l’impresa per liquidare gli eredi. Con la copertura “Catastrofi Naturali” si prevede invece la tutela dei beni colpiti da inondazione, alluvione, bombe d’acqua e terremoto. Attraverso Allianz1 (one) business le aziende possono avere una copertura completa e specifica così definita “all risk” con una piccola spesa mensile. La polizza si rinnova ogni anno e modificabile in qualsiasi momento per essere pronta a nuove esigenze e cambiamenti. Grazie alla innovazione tecnologica di Allianz siamo perfettamente in grado, muniti di tablet con firma digitale, di fare consulenza e stipula della polizza presso le aziende stesse. Ricordiamo anche che la polizza è interamente scaricabile dal punto di vista fiscale.

A cura di Stefano Fierli, consulente assicurativo e finanziario

Servizi Assicurativi Marchese Srl

Via Napoli,102/B 00055 Ladispoli -Roma -

Tel 0699223300 - 069946501

Fax 0699223984

marcheseassicurazioni@gmail.com

Come ti senti dopo l'articolo?

Arrabbiato
Triste
Stupito
Allegro
Felice

Come ti senti dopo l'articolo?

Come ti sento dopo l'articolo?

Potrebbe interessarti

^ Top