La redazione            Prodotti Stampa             Prodotti Web               LOGIN                                                                          Per la tua pubblicità            Privacy policy    
29/03/2017

La ristrutturazione della casa è un'operazione complessa che deve essere eseguita con grande attenzione per non incorrere in errori e danni. Questo genere di intervento ha dei costi differenti che variano in base ad alcuni fattori, primo tra tutti la località in cui è situato l'immobile. Possedere una casa nella capitale è sicuramente una fortuna, ma il costo per ristrutturare una casa a Roma è un po' diverso rispetto al resto d'Italia.


Ristrutturare casa senza spendere una fortuna

Ristrutturare casa è un avvenimento impegnativo e stressante, ma allo stesso tempo piacevole. Dà modo di sbizzarrirsi con le idee e riprogettare al meglio gli spazi.
La ristrutturazione edilizia può essere limitata ad una stanza o ad un singolo tipo di intervento come ad esempio la tinteggiatura delle pareti oppure comprendere più interventi e portare al rifacimento totale dell’immobile.
Nonostante ristrutturare casa, in una città come Roma, sia abbastanza dispendioso è sempre possibile riuscire a risparmiare senza dover rinunciare alla qualità. Innanzitutto c’è la possibilità di approfittare degli incentivi fiscali previsti dalla Legge di Stabilità 2017. Inoltre, per poter spendere di meno, ci si può rivolgere a servizi di richiesta preventivi online, come quello offerto da Edilnet.it 
totalmente gratuiti e senza impegno. In questo modo sarà possibile confrontare più offerte e scegliere la migliore.

Idee chiare prima di tutto!

Una delle cose più importanti, quando ci si appresta a ristrutturare casa, è l'organizzazione. Sembra banale, ma ragionare con carta e penna iniziando ad appuntarsi le varie lavorazioni che si vogliono intraprendere, vi aiuterà a comprendere meglio l'entità della ristrutturazione che state progettando. Dividete inoltre le tipologie di intervento che intende eseguire, tra le più costose e quelle meno costose.
Quelli più onerosi sono certamente gli interventi strutturali della casa o del tetto, oltre a quelli degli impianti se obsoleti. Controllatene quindi lo stato facendovi aiutare anche da un tecnico esperto.
Valutate inoltre l'arredo, quali mobili sono troppo vecchi e tanto rovinati da non valer la pena di essere riutilizzati e quali potrete riutilizzare, magari con qualche semplice ritocco che li renderà come nuovi.
Stesso discorso vale per gli elettrodomestici: cercate di mandare “in pensione” quelli più vecchi con alti consumi energetici, acquistando modelli più recenti con buone prestazioni energetiche.
Riguardo al bagno, valutate se cambiare la disposizioni della doccia, oppure della vasca e dei sanitari, ottimizzando così gli spazi rendendolo più grande ed accogliente.
Pianificare tutto è impossibile, però seguire almeno una linea guida impostata da voi stessi con l'aiuto di qualche tecnico, potrà aiutarvi ad avere la casa dei vostri sogni.

Alcuni possibili interventi

Ipotizziamo che l'impianto di riscaldamento sia da modernizzare perché vecchio. Una delle soluzioni migliori sarà il riscaldamento a pavimento: un insieme di serpentine che passano sotto il pavimento e al cui interno scorre acqua calda, detta in maniera molto semplice. Una volta installate le tubature ad incastro tra i pannelli isolanti sotto il pavimento, l'ambiente viene riscaldato grazie al principio del calore che si sposta dal basso verso l'alto. Con questa tipologia di impianto, l'acqua non raggiunge temperature elevate (70 gradi) come per i termosifoni, ma circa 35 gradi, beneficiando anche di un notevole risparmio energetico ed economico.

Se anche l'impianto elettrico necessita di essere adeguato perché non più a norma o perché non supporta certi amperaggi, bisogna intervenire modernizzandolo.
Non è una questione da sottovalutare, visto che gli incidenti domestici come ad esempio gli incendi, sono di natura elettrica.
Nel caso in cui l'intervento di ristrutturazione del vostro appartamento non consenta la rottura dei muri per effettuare tagliole, vi consigliamo di scegliere dei battiscopa passacavi. Sono soluzioni innovative e moderne che consentono il passaggio dei cavi al loro interno, evitando tagliole nei muri e fili sparsi per casa. Esistono sul mercato tantissimi modelli e materiali diversi per i battiscopa passacavi, ad esempio pvc, legno e gres, ovviamente dal più economico al più costoso.

Visto che i battiscopa sono elementi di raccordo tra pavimento e muro, questa soluzione moderna offre modelli anche di design che si intonano benissimo con qualsiasi tipo di pavimento e parete. Il prezzo viene calcolato a metro lineare e in base alla qualità ed al pregio del modello, quelli in pvc (da 1€/ml fino a circa 7€/ml) hanno costo inferiore rispetto a quelli in legno (superiore ai 7€/ml).

Predisponete il vostro appartamento per l'installazione del condizionatore, così in caso di voglia o bisogno dovrete solo aggiungere split e motore.

Sul mercato vi è una grandissima varietà anche sui pavimenti per interni. I materiali più utilizzati sono: ceramica, legno e parquet, gres, terracotta, resine, pietra, marmo o moquette.
La tipologia di pavimenti realizzati in ceramica è quella più utilizzata per le abitazioni, visto che si presenta molto resistente e di svariati colori e sfumature.
La terracotta per pavimenti, si sviluppa dalla lavorazione e dalla cottura della comune argilla, ottenendo così il tipico color rosso che la contraddistingue. Viene utilizzata soprattutto per lavori di ristrutturazione di appartamenti o case rustiche.
Il gres destinato alle pavimentazioni invece è una pasta argillosa mescolata a sostanze chimiche particolari che hanno il compito di rendere il tutto più resistente, per poi essere trattata con sostante che lo rendono più lucido e adatto per le pavimentazioni.
Il marmo è un materiale molto costoso, visto che presenta alte spese di estrazione, di trasporto, di lavorazione e di posa (la manodopera va affidata a ditte specializzate). Impiegare il marmo per la pavimentazione significa creare un ambiente molto raffinato. Visto la grande varietà di colori e soluzioni, solitamente si posa negli ingressi, nei grandi saloni, in abitazioni di prestigio e in lussuosi hotel.

Un'altra tipologia di materiale molto diffusa ed utilizzata per i pavimenti è il parquet.
Bisogna ammettere che il calore trasmesso da un pavimento in parquet non viene raggiunto da nessun'altro materiale disponibile sul mercato.

La ristrutturazione del bagno è un'altro passo che va curato nei dettagli. Per ottimizzare gli spazi si consiglia di installare il termo arredo, per avere così una fonte di calore che non ruba molto spazio. I sanitari è bene installarli affiancati per una questione di comodità e di estetica, se non vi è permesso causa spazi ridotti, la soluzione preferibile è uno di fronte all'altro.

Esistono vasche comprensive di box doccia, che consentono di scegliere se fare il bagno oppure una doccia risparmiando spazio avendo a disposizione due modelli in uno. Tuttavia, in caso di spazi ridotti, la doccia rimane la scelta più funzionale.
Una cosa da non sottovalutare è quella di predisporre il bagno in maniera che sia accessibile o facilmente adattabile nel caso in cui ne debbano disporre persone con handicap o persone anziane.
Una volta ultimati tutti questi lavori, che sono considerati più onerosi ed impegnativi, potrete sbizzarrirvi con l'arredamento, personalizzando in base ai vostri gusti ed interessi l'appartamento. Ogni volta che rientrerete a casa vi sentire orgogliosi e felici delle scelte sostenute.

Ma quanto costa ristrutturare casa a Roma?

Il prezzo di una ristrutturazione edilizia dipende da numerosi fattori, quali tipologia di interventi, qualità dei materiali, posizione geografica dell'immobile, etc.
Roma non è certamente la città più economica d'Italia dunque, per non spendere una fortuna, occorre prestare molta attenzione.
Ovviamente la zona più dispendiosa è sicuramente il centro. Questo perché la ristrutturazione dovrà essere compiuta rispettando molti più vincoli e particolari normative. Le richieste di permessi, prima di poter iniziare i lavori, saranno sicuramente maggiori e tutto ciò andrà ad incidere anche sui costi.
Bisognerà poi tener conto anche del fatto che molto spesso gli edifici in centro storico presenteranno anche difficoltà di accessibilità, dunque vi sarà da affrontare una spesa in più per ovviare al problema.
Mediamente possiamo affermare che, per la ristrutturazione di casa vostra, dovrete calcolare una spesa media di 500-600 € al mq, anche se le possibilità di risparmiare non mancano.

Come ti senti dopo l'articolo?

Arrabbiato
Triste
Stupito
Allegro
Felice

Come ti senti dopo l'articolo?

Come ti sento dopo l'articolo?

Potrebbe interessarti

^ Top