La redazione            Prodotti Stampa             Prodotti Web               LOGIN                                                                          Per la tua pubblicità            Privacy policy    
04/03/2017

Con la legge di bilancio 2017 è stata prorogata fino al 31 dicembre 2017 la detrazione del 50% per le ristrutturazioni edilizie. É prorogato fino al 31 dicembre 2017 anche il Bonus Mobili, cioè la detrazione del 50% su una spesa massima di 10mila euro per l'acquisto di mobili. E' stata inoltre introdotta, per il periodo compreso tra il primo gennaio 2017 e il 31 dicembre 2021, una detrazione d'imposta del 50% per le spese sostenute per l'adozione di misure antisismiche su edifici ricadenti nelle zone sismiche ad alta pericolosità (zone 1, 2 e 3).

Una detrazione del 50% spetta anche sulle ulteriori spese sostenute, dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2017, per l'acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+, nonché A per i forni, per le apparecchiature per le quali sia prevista l'etichetta energetica, finalizzati all'arredo dell'immobile oggetto di ristrutturazione. La detrazione è, invece, pari al 65% delle spese effettuate, dal 4 agosto 2013 al 31 dicembre 2016, per interventi di adozione di misure antisismiche su costruzioni adibite ad abitazione principale o ad attività produttive che si trovano in zone sismiche ad alta pericolosità.

Per le prestazioni di servizi, relative agli interventi di recupero edilizio, di manutenzione ordinaria e straordinaria, realizzati sugli immobili a prevalente destinazione abitativa privata, si applica l’aliquota Iva agevolata del 10%. Le altre principali novità: riordino delle scadenze fiscali;  scomputo delle ritenute d’acconto; modifiche alle detrazioni per spese di istruzione;

riapertura dei termini per l’assegnazione dei beni ai soci, estromissione e trasformazione in società semplice; proroga del cd. “maxiammortamento” e introduzione del nuovo “iperammortamento”;

introduzione della cd contabilità semplificata per “cassa”; istituzione della cosiddetta flat tax per i soggetti IRPEF, denominata IRI; introduzione del nuovo spesometro e delle liquidazioni IVA trimestrali;novità della deduzione ACE; riscrittura delle regole in materia di dichiarazione integrativa a favore; agevolazioni fiscali e contributive per coltivatori diretti e IAP; cedolare secca e mancata comunicazione della proroga e della risoluzione; riduzione dell’aliquota della gestione separata per i soggetti senza cassa con partita IVA

                                                                                                                                  Acura di  Mario Marri

 

Come ti senti dopo l'articolo?

Arrabbiato
Triste
Stupito
Allegro
Felice

Come ti senti dopo l'articolo?

Come ti sento dopo l'articolo?

Potrebbe interessarti

^ Top