La redazione            Prodotti Stampa             Prodotti Web               LOGIN                                                                          Per la tua pubblicità            Privacy policy    

La carne alla spada, la nuova idea appetitosa di Guerrino Liuto

16/02/2017

Guerrino Liuto, proprietario del ristorante La Brace, ci racconta che preferisce definirsi un cuoco, perché chef ci si diventa quando il bagaglio è pieno e lui ha ancora voglia di fare esperienza, nonostante sia anche un pizzaiolo istruttore, dice che ogni giorno c’è un cambiamento e le cose mutano in fretta e lui si aggiorna di continuo per essere sempre al passo con le ultime novità della gastronomia. E anche nel suo locale, di novità, ne porta di continuo, l’ultima, in ordine di tempo è la spada. Angus, manzo nazionale o carne mista, infilzata su una spada per farla cuocere meglio e poi servirla su un cavalletto, così il cliente può tagliarla in base al suo gusto, ed è una delizia non solo per il palato ma anche per la vista. L’idea ha riscontrato da subito un grande successo, i clienti hanno talmente apprezzato la carne alla spada, cotta sulla brace, che Guerrino ha subito introdotto un’altra novità, il pesce alla spada. Gamberoni, calamari, tonno e pesce spada, rigorosamente freschi. Due proposte, che sono diventate in brevissimo tempo, i secondi più richiesti del menù e che hanno regalato una grande soddisfazione al nostro cuoco. Guerrino è da sempre un ristoratore molto attento al gusto dei clienti, in cucina ci mette non solo una grande passione ma anche un’attenta cura nella scelta delle materie prime, dettata, soprattutto, dall’amore per i prodotti genuini e solo cento per cento italiani. Predilige la filiera corta e sceglie di persona frutta e verdura a chilometri zero, usa farine macinate a pietra e farine locali per impastare pane e pizza col lievito madre, fa arrivare l’olio dall’Umbria, il tartufo dalla zona Norcia e sceglie la carne direttamente al mattatoio mentre le salsicce sono, tradizionalmente, fatte in casa, seguendo la lavorazione del maiale che gli ha insegnato suo nonno. Per lui, ci racconta, il sorriso soddisfatto del cliente è tutto e prende in grande considerazione le opinioni che gli danno per migliorare un piatto, per introdurre variazioni o valutare altre novità, al punto che gli piace andare personalmente al tavolo per un confronto diretto. Insomma, il ristorante La Brace, attraverso la sapiente creatività del cuoco Guerrino, propone continuamente grandi sorprese gastronomiche e in pentola ne bolle già un'altra, della quale vi racconteremo alla prossima occasione.

Come ti senti dopo l'articolo?

Come ti sento dopo l'articolo?

 



Tutte le rubriche

^ Top