La redazione            Prodotti Stampa             Prodotti Web               LOGIN                                                                                    Per la tua pubblicità                      

Cerveteri, il caso di Alessandro Quinte questa sera su Rete 4 a 'Dalla Vostra Parte'

10/01/2017

Tornano a riaccendersi i riflettori di una TV nazionale sulla vicenda di Alessandro Quinte, l’uomo di Cerveteri che da diverse settimane vive e dorme in automobile.

Questa sera la sua storia sarà all’attenzione del programma di approfondimento di RETE 4 condotta da Maurizio Belpietro ‘Dalla Vostra Parte’, in onda dalle 20.30.

La scorsa settimana le condizioni di Alessandro erano state riprese dall’inviato di Jimmy Ghione di Striscia la Notizia, che era andato a fare visita agli Uffici dei Servizi Sociali e all’Assessora Cennerilli, che aveva ovviamente ribadito la volontà di non lasciare indietro nessuno, tantomeno Alessandro Quinte, ma allo stesso tempo ha fatto una forte denuncia nei confronti degli Enti sovracomunali per le situazioni di estrema difficoltà in cui sono costretti ad operare al giorno d’oggi i Comuni.

A tal proposito abbiamo contattato telefonicamente Francesca Cennerilli, per chiederle un aggiornamento sulla vicenda e capire cosa sta facendo concretamente l’Ente per la vicenda di Alessandro.

“Il Signor Quinte da quando si è rivolto ai nostri servizi sociali ha sempre ricevuto aiuti in base alle sue necessità e alle disponibilità dell'ente sia in contributi economici che dal punto di vista assistenziale – ci ha detto l’Assessora Cennerilli - l'ultima volta oltre ad avergli erogato contributo abbiamo provveduto ad inserirlo in una struttura con l’accordo che una volta che gli immobili di proprietà comunale fossero tornati disponibili avremmo potuto farlo coabitare insieme ad un altro utente. Coabitazione, ci tengo a precisare, attentamente studiata e valutata e tra l’altro già sperimentata con altri concittadini. Sappiamo che alcuni giorni fa Alessandro ha ricevuto una proposta di alloggio da parte di un signore di Roma. Lo abbiamo contattato immediatamente ma lui non ci ha detto ancora se accetta o meno questa opportunità. Anche ieri, nel nostro Ufficio dei servizi sociali abbiamo parlato con Alessandro, proprio per capire la validità della proposta fattagli e di fargli capire come sia sicuramente migliore una situazione di convivenza rispetto al dormire in automobile. Ribadisco, il nostro Ente farà di tutto per aiutare Alessandro”.

Condividi con i tuoi amici

Come ti senti dopo l'articolo?

Come ti sento dopo l'articolo?

 

 

 

 


  

  

 

 

 

 

^ Top