La redazione            Prodotti Stampa             Prodotti Web               LOGIN                                                                          Per la tua pubblicità            Privacy policy    

Istituto Alberghiero di Ladispoli: la Scuola che fa la differenza

21/11/2016

L'Istituto Alberghiero di Ladispoli aderisce al "Progetto Fixo Yei".

Annullare le distanze fra mondo della formazione e mercato del lavoro; colmare il divario esistente tra titoli di studio e standard di prestazione richiesti dalle aziende; favorire un’efficace sinergia ed integrazione fra percorsi di istruzione e modalità di accesso all’occupazione: sono solo alcuni degli obiettivi del “Progetto Fixo”, il programma elaborato da  “Italia Lavoro” (Ente strumentale del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali) per tentare di eliminare il job mismatch, potenziando i servizi di placement  all’interno delle scuole.

Il Progetto Fixo nasce come costola di “Garanzia Giovani” (Youth Guarantee), – ha spiegato Luisa Boccia, di “Italia Lavoro” – il Programma Europeo attuato dalla Regione Lazio (ma anche da tutte le altre Regioni Italiane) che investe 137 milioni di Euro (complessivamente 1,5 miliardi per l’Italia giunti da Bruxelles) per i Neet (i giovani fra 15 e 29 anni che non sono iscritti all’Università, non lavorano e non seguono corsi di formazione).

Lanciata il 1° maggio 2014 in Italia, la Youth Guarantee sta cercando da due anni di fronteggiare i numeri allarmanti della disoccupazione giovanile. Al piano si sono finora iscritti circa 897mila giovani di età compresa fra 15 e 29 anni, di cui 659mila “presi in carico” (nel Lazio 58.747 su 109.546 adesioni).

5.346 i contratti di lavoro sinora avviati nel Lazio (tutti i numeri nel Report consultabile al link http://www.regione.lazio.it/binary/rl_garanzia_giovani/tbl_news/Report_Lazio.pdf), dei quali il 55% a tempo indeterminato, il 27% di apprendistato e il 18% a tempo determinato.

Mercoledì 16 novembre, all’Alberghiero di Ladispoli, si è svolto il primo incontro di informazione e formazione.

“E’ un’iniziativa di straordinaria rilevanza. – ha sottolineato la Prof.ssa Pamela Pierotti, Responsabile delle Attività di Alternanza Scuola-Lavoro – Finalmente riusciamo a creare un circolo virtuoso fra Istituzioni scolastiche, mondo dell’impresa e organi intermedi, quali i Centri per l’Impiego: realtà rimaste per  troppo tempo lontane l’una dall’altra, chiuse nella loro autoreferenzialità. Da oggi, gli studenti potranno beneficiare di un servizio di estrema utilità, che sarà in grado di orientarli e di aiutarli. Non lasceremo soli i nostri allievi, neanche dopo il conseguimento del diploma”.

Per l’Alberghiero di Ladispoli – come hanno sottolineato anche i docenti Renato D’Aloia e Ilaria Galice, Referenti delle Attività di Alternanza Scuola-Lavoroil progetto Fixo Yei (Youth Employment Initiative) prevede due misure di intervento: Orientamento specialistico e Accompagnamento al lavoro. “Nel primo caso – ha precisato Luisa Boccia, durante il suo incontro con gli studenti dell’Alberghiero di Ladispoli – la misura ha l’obiettivo di rafforzare e sviluppare l’identità personale e lavorativa del giovane e di costruire un percorso personalizzato. Le principali azioni poste in essere saranno finalizzate ad esplorare in maniera approfondita l’esperienza di vita del soggetto per sollecitarne maturazione, pro-attività e autonomia nella ricerca del lavoro. In generale –  ha aggiunto Luisa Boccia – l’orientamento ‘di secondo livello’ si colloca in una prospettiva olistica dello sviluppo umano che integra il problema specifico della sfera formativa e lavorativa nel ciclo di vita della persona. Le misure di orientamento specialistico o ‘di secondo livello’ sono mirate, quindi, a favorire una progettualità professionale con una prospettiva di medio termine, attraverso l’analisi dei bisogni del giovane e la formulazione e definizione degli obiettivi da raggiungere, ma puntano anche alla ricostruzione della sua storia personale, formativa e lavorativa e alla messa a punto di un progetto personalizzato”.

Nel secondo caso, invece, la misura ha l’obiettivo di realizzare l’inserimento lavorativo del giovane attraverso l’attivazione di un rapporto di lavoro a tempo determinato, indeterminato, di apprendistato, o di un contratto di somministrazione, entro quattro mesi dalla stipula del ‘Contratto di Collocazione’.

“L’inserimento lavorativo – ha spiegato sempre Luisa Boccia – dovrà essere assicurato attraverso azioni di scouting delle opportunità; definizione e gestione della tipologia di assistenza  e tutoring; matching rispetto alle caratteristiche e alle propensioni del giovane”.

Ma le azioni saranno ancora più concrete, perché si prevede la promozione – presso il sistema imprenditoriale – dei profili, delle competenze e della professionalità dei soggetti che aderiranno al Progetto; la pre-selezione; l’assistenza e

l’ accompagnamento del giovane nell’accesso al percorso individuato e nella prima fase di inserimento; la promozione, presso le imprese, di tutte le misure di incentivazione all’assunzione promosse dalla Regione Lazio.

Il passaggio dalla scuola al lavoro, finalmente, diventa più semplice.

Come ti senti dopo l'articolo?

Arrabbiato
Triste
Stupito
Allegro
Felice

Come ti senti dopo l'articolo?

Come ti sento dopo l'articolo?

Potrebbe interessarti

^ Top